Caregiver

Caregiver è una parola inglese usata per definire i “curanti informali” ovvero tutti coloro che si prendono cura di una persona malata o non autosufficiente, ben distinti dai “curanti formali” ovvero l’equipe medica, si parla quindi nella maggior parte dei casi dei familiari.

È un fenomeno che in Italia riguarda 3 milioni di persone, che coinvolge specialmente le donne nell’80% dei casi.

Prendersi cura di un familiare con disabilità o non autosufficiente (malattia degenerative come le demenze, o patologie come il cancro o semplicemente genitori anziani) ha un costo sia fisico che emotivo ecco perché bisogna salvaguardare il benessere del caregiver.

La vita di chi sceglie o deve iniziare a prendersi cura dell’altro in difficoltà cambia radicalmente e il caregiver si deve confrontare con diverse tematiche complesse, l’accettazione della malattia, del bisogno di toccare la sofferenza che si nasconde dietro a vissuti di impotenza e cronicità, il disagio nel dover cambiare il proprio stile di vita.

Spesso i familiari devono limitare le proprie attività lavorative o addirittura metterle in stand by vengono a mancare i momenti per sé stessi o per le relazioni sociali vivendo uno stato di isolamento all’interno della propria casa. Il costo emotivo di questi cambiamenti possono portano frequentemente all’aumento del senso di stanchezza, mal di testa, gastriti fino nei casi più gravi all’insorgere di Depressioni e Stati Ansiosi.

Filomente offre percorsi Psicologici di Sostegno a Domicilio proprio per aiutare chi si prende cura di un familiare, a prendersi cura di sé stesso, per trovare un nuovo equilibrio e poter imparare ad ascoltare i propri vissuti emotivi senza provare sensi di colpa o rabbia.

Ripartire dall’ambiente domestico consente di facilitare la fruizione dell’aiuto di un professionista ed uscire dall’isolamento nel quale si sta vivendo.